Incidente Ciao Darwin: Programma Sotto Processo!

E’ finito sotto processo Ciao Darwin, il game show di Canale 5 condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti. Un concorrente ha rischiato la vita durante una prova prevista dal gioco. In quattro sono sotto accusa dopo la conclusione delle indagini. Ecco tutti i dettagli.

Ciao Darwin, il programma di successo condotto da Paolo Bonolis e amatissimo dagli italiani, è finito sotto processo. Un concorrente dopo aver preso parte alla prova d’avventura a squadre, è caduto rimanendo paralizzato. Le indagini si sono concluse e quattro persone rischiano di essere processate con l’accusa di lesioni personali gravissime.

I fatti risalgono al 2019 e vedono come protagonista Gabriele Marchetti che a seguito dell’incidente verificatosi durante le registrazioni di una puntata del game show di Canale 5, è ora costretto su una sedia a rotelle. L’uomo, 59 anni di Roma, stava partecipando a uno dei giochi del programma, il Genodrome che prevede, tra le altre cose, un percorso ad ostacoli. Caratteristica della prova, è l’attraversamento di una serie di rulli che conducono a una passerella di legno. Marchetti è scivolato proprio su uno di questi grandi blocchi rotanti. La caduta violenta gli è purtroppo costata cara.

Il concorrente è stato immediatamente trasferito in codice rosso al Policlinico Umberto Primo di Roma e poi trasferito alla Fondazione Santa Lucia. Sfortunatamente, la diagnosi per l’uomo non è stata affatto positiva. Il colpo improvviso ha causato un danno neurologico alla spina dorsale lasciando l’uomo paralizzato dal collo in giù.

Nonostante l’accaduto, la puntata a cui prese parte Marchetti, fu ugualmente mandata in onda non senza polemiche. A due anni di distanza da quel tragico episodio, la Procura di Roma ha chiuso le indagini sull’incidente e ora quattro persone rischiano di finire sotto processo con l’accusa di lesioni personali gravissime.

Stando alle ultime indiscrezioni, sul banco degli imputati potrebbero finire il rappresentante di RTI SPA, società produttrice di Ciao Darwin, un dirigente della stessa società, un rappresentante delegato dal primo per accertarsi del rispetto di protocolli di sicurezza sul luogo di lavoro e infine il rappresentante di Maxima srl.

La Maxima srl è uno dei pezzi grossi di Mediaset. Si tratta di una società che produce l’attrezzatura tecnica utilizzata per il gioco. La società in questione è stata appositamente scelta dai vertici di Viale Europa per garantire la sicurezza del gioco attraverso strumenti controllati. Sotto accusa quindi anche la rappresentante della suddetta Maxima srl che aveva il compito di selezionare e formare i concorrenti del programma. Il suo ruolo consisteva nell’insegnare ai partecipanti come affrontare il gioco del Genodrome.

Quella accorsa è purtroppo una vicenda dai risvolti drammatici che potrebbe finire non bene per tutti i soggetti coinvolti. Il conduttore del game show, Paolo Bonolis, già al tempo dell’accaduto prestò la sua voce per chiedere pubblicamente scusa anche per conto della Mediaset all’uomo vittima dell’incidente e alla sua famiglia. Anzi, lo stesso Bonolis, decise di prendere parola autonomamente durante una delle ultime puntate di Ciao Darwin esprimendo la sua vicinanza a Gabriele Marchetti e ai suoi familiari.

L’accusa chiede che la verità venga portata alla luce e oggi si è sulla giusta strada. Secondo il pm Alessia Miele, infatti, era troppo rischioso svolgere il gioco dei rulli sopra una vasca profonda 1, 09 cm con un fondo rigido e senza adeguato addestramento. Secondo il magistrato, non sono state adottate tutte le norme necessarie a garantire adeguata sicurezza al concorrente. Questa disattenzione potrebbe essere penalmente fatale per tutti i rappresentanti coinvolti nella vicenda.

Voi cosa ne pensate? Avete seguito il caso? A voi i commenti!

Guarda Anche...

Chi Sostituirà Amadeus? Ecco i Nomi Più Gettonati!

Chi Sostituirà Amadeus? Ecco i Nomi Più Gettonati!

Scopri i dettagli del sorprendente addio di Amadeus alla Rai, i possibili successori al timone dei suoi programmi e gli ultimi progetti del conduttore prima della scadenza del suo contratto.