Si Trucca Come i Maneskin: Dodicenne Aggredito!

Un giovane adolescente di 12 anni è stato protagonista di un’aggressione omofoba. Il bimbo che è uscito per strada truccato come i componenti della band Maneskin è stato brutalmente aggredito con minacce e insulti. I dettagli.

Non c’è mai fine al degrado. Nelle ultime ore la notizia che gira sui social sta facendo davvero rabbrividire. Un ragazzino di 12 anni è stato protagonista di un’aggressione omofoba. Vittima di bullismo, un giovanissimo che festeggiava con i suoi coetanei l’ultimo giorno di scuola tra risate e gavettoni. La sua ‘colpa’? Essere truccato con smalto e eyeliner per imitare la sua rock band preferita, i Maneskin.

Il quartiere in cui il bimbo vive ha deciso di reagire all’aggressione omofoba organizzando un flash mob. Il ragazzino è rimasto turbato dall’aggressione subita. Lo hanno chiamato ‘gay sc***so’, come ha raccontato la mamma. Quando le sue amiche hanno provato a difenderlo sono state a loro volta aggredite e insultate, oltre che spintonate e maltrattate.

Si è verificato così nella periferia sud di Roma l’ennesimo grave episodio di intolleranza che ha come protagonisti dei giovanissimi. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di Ostia, il ragazzino si era truccato e vestito come i membri della band rock dei Maneskin di cui il giovane è fan.

Il dodicenne oltre ad essere stato insultato è stato anche bersagliato con delle uova. I carabinieri hanno rintracciato i due aggressori principali.

Il quartiere dove vive il giovane ha deciso però di mobilitarsi affinché questa notizia non resti nel silenzio. Un post su Facebook ha annunciato un flash mob organizzato per dire NO al grave fenomeno dell’omofobia che ancora tutt’oggi purtroppo persiste.

I genitori del ragazzo e lo stesso giovane, non sono stati lasciati da soli. Alle loro spalle, non solo le autorità ma un intero quartiere che si è mobilitato per cercare di contrastare questo fenomeno pericolosissimo del bullismo generato dall’ omofobia.

Non solo, i genitori hanno trovato la solidarietà anche di altre famiglie, del quartiere, di tutta la comunità scolastica. La speranza è che ai 20 bulli che si sono scatenati contro il loro coetaneo possa essere invece data la possibilità di capire i loro sbagli.

L’obiettivo è di trasformare un episodio grave e doloroso in un’occasione di crescita per loro che sono ancora giovanissimi. Intanto della gang di 20 persone, due sono state rintracciate, identificate e denunciate grazie a delle telecamere di sorveglianza.

I Maneskin tra l’altro sono una band che ha sempre cercato di combattere il fenomeno dell’omofobia. Proprio in una recente intervista avevano fatto delle dichiarazioni importanti. Soprattutto il FrontMan della band, Damiano aveva pronunciato un discorso davvero brillante.

Il giovane aveva affermato che l’omofobia e tutte le discriminazioni non dovrebbero esistere. Aveva poi detto che tanto lui quanto i componenti della sua band sono orgogliosi di vedere come tanti ragazzini li aspettino con le bandierine rainbow. L’ omofobia è un fenomeno degradante che deve essere combattuto. Nonostante siamo alle soglie del 2022, ancora oggi si sente troppo spesso parlare di vittime bullizzate per via del loro orientamento sessuale.

Anche se sui social se ne parla tanto e molti sono gli artisti che cercano a loro modo di combattere questo fenomeno, purtroppo ancora oggi siamo costretti ad ascoltare storie del genere come quella toccata al ragazzino di 12 anni.

Cosa pensate di questo triste episodio? Qual è il vostro pensiero a riguardo? A voi i commenti!

Guarda Anche...

Sandra Milo: Le Cause Del Decesso!

Sandra Milo: Le Cause Del Decesso!

Addio a Sandra Milo. L'attrice si è spenta per sempre a causa... #sandramilo