Francesco Totti Finisce Nel Mirino Della Federpol! Ecco Perché!

Francesco Totti è finito nel mirino della Federpol, la Federazione degli investigatori privati. Tutto a causa dell’intervista rilasciata nei giorni scorsi al Corriere ed in cui ha, in qualche modo, denigrato la figura dell’investigatore privato.  Pronta la replica del Presidente della Federazione, che minaccia di adire alle vie legali contro l’ex campione giallorosso. Ecco cosa sta succedendo!

Totti fa arrabbiare anche la Federpol: il motivo

L’intervista fiume rilasciata nei giorni scorsi da Francesco Totti al Corriere della sera ha fatto arrabbiare molti. Non solo la sua ex moglie Ilary Blasi, ma anche l’Associazione degli investigatori privati. La Federpol, la Federazione Italiana degli Istituti Privati per le Investigazioni, ha fatto sentire la sua voce per bocca del suo Presidente Luciano Tommaso Ponzi. In particolare, non è piaciuto affatto, il modo in cui Totti ha parlato della professione dell’investigatore privato. Ricordiamo che nel corso dell’intervista, l’ex calciatore, oltre ad accusare la moglie di averlo tradito per prima, aveva parlato anche di come Ilary avesse assunto un investigatore per scoprire la sua relazione con Noemi. Nel dettaglio, Francesco aveva parlato di cimici posizionate nella sua auto grazie all’aiuto di amici comuni e del gps per tracciare tutti i suoi spostamenti. Non solo, aveva pure parlato di persone appostate sotto casa di Noemi. A queste dichiarazioni, la Blasi non ha replicato ma, tramite il suo avvocato, ha fatto sapere di conoscere molti segreti sull’ex marito e che potrebbero mettere nei guai non solo lui, ma molte altre persone. Detto questo, a replicare a Totti ci ha pensato appunto il Presidente di Federpol.

L’associazione degli investigatori porta in Tribunale Totti?

All’Adnkronos, Luciano Tommaso Ponzi ha fatto sapere di essere particolarmente arrabbiato per le dichiarazioni dell’ex capitano giallorosso. In particolare, si è soffermato sul fatto che con le sue parole, il Pupone ha in qualche modo denigrato la figura professionale dell’investigatore privato. Ponzi ci ha tenuto a sottolineare che la Federazione italiana degli investigatori, ha al suo interno seri professionisti, assolutamente rispettosi delle leggi. Chi pensa il contrario sbaglia. Ecco perché il Presidente ha chiaramente fatto intendere di voler tutelare l’intera categoria, riservandosi di adire alle vie legali contro chi denigra la professione. Totti è avvisato. Ma Ponzi se l’è presa anche contro tutte quelle trasmissioni tv in cui si è parlato molto della vicenda legata all’ingaggio dell’investigatore privato da parte di Ilary Blasi. Nei vari salotti televisivi in effetti, in questo ultimo periodo, non si é parlato d’altro e di certo le ultime dichiarazioni di Totti hanno gettato ulteriore benzina sul fuoco. Ancora una volta il Presidente di Federpol, ha precisato come la figura dell’investigatore sia seria. Chi fa questo lavoro, è autorizzato a farlo con licenza governativa che, tra l’altro, risponde a stringenti requisiti oggettivi e soggettivi. Insomma, non tutti possono diventare investigatori privati e forse, a detta di Ponzi, nei salotti Tv questo non lo sanno, visto che molte volte chi è ospite, parla senza essere informato o non conosce bene la normativa. Detto questo, restiamo in attesa di sapere se la Federazione porterà Totti in Tribunale oppure no. Insomma, non sembra essere un periodo facile per l’ex campione giallorosso, finito nella bufera dopo aver rilasciato quella famosa intervista al Corriere. A molti non è piaciuta, non solo alla Federpol. Moltissimi lo hanno criticato per il modo in cui ha attaccato e ha gettato fango sulla madre dei suoi figli. Meno male che voleva tutelare la serenità dei suoi tre eredi. Cosa ne pensate? Faceva meglio a stare in silenzio? A Voi i Commenti!

Guarda Anche...

Chi Sostituirà Amadeus? Ecco i Nomi Più Gettonati!

Chi Sostituirà Amadeus? Ecco i Nomi Più Gettonati!

Scopri i dettagli del sorprendente addio di Amadeus alla Rai, i possibili successori al timone dei suoi programmi e gli ultimi progetti del conduttore prima della scadenza del suo contratto.