Lorenzo Crespi: morirò presto, ho una malattia!

L’attore Lorenzo Crespi lancia un appello sui social che mette i brividi. L’uomo svela una verità inquietante e che riguarda il suo stato di salute. Sentite le sue parole, fanno venire la pelle d’oca!

Lorenzo Crespi ha usato il suo profilo Instagram per lanciare un accorato appello ai fans. L’attore svela di essere rimasto al freddo, senza luce e senza gas. Inoltre Crespi ha anche svelato di avere una malattia ai polmoni e che presto morirà. Nello stesso tempo il povero uomo ha confidato di aver dato via il cane perchè non ha la possibilità di acquistare il cibo. Ecco con quali parole Lorenzo esprime tutta la sua indignazione: “Completamente truffato da una società che lavora per produzioni Rai. Totale emarginazione, abbandono, maltrattamenti.. Ti fanno vivere in condizioni pietose, da giorni senza luce, senza gas, una malattia ai polmoni, totalmente congelato, abbandonato da tutti.. Ultimo la d’Urso, tutti sanno come sto vivendo.. ma se non possono usarmi..non possono aiutarmi…Io morirò presto e vi chiedo di sputare in faccia a tutti quelli che minimamente in tv diranno che mi volevano bene, che mi hanno aiutato, devo dare via il cane perché non so neanche come comprare il cibo questa è la realtà che vi nascondono tutti, 4 anni in un’associazione a spaccarmi la schiena non mi hanno neanche garantito per prendere in affitto una casa..

E in quest’istante mi trovo così..testa congelata corpo quasi paralizzato dalle nottate totali all’agghiaccio.. L’unico essere umano che è intervenuto e che sta cercando di aiutarmi in tutti modi anche a farmi tornare a casa.. Perché io non posso farlo mi hanno tolto tutto,vi sembrerà strano..ma si chiama..Roberto Fiore.. E allora li capisci come stanno forse veramente le cose”.

Eppure il popolo del web stenta a credere nelle parole di Lorenzo Crespi e lo accusa di fare la vittima. Anche voi la pensate nella stessa maniera? A voi i commenti!

Video Correlati

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *