Pupo Rischia l’Arresto! Ecco Perché!

Enzo Ghinazzi in arte Pupo, è finito nella black list del governo ucraino. Lo ha annunciato proprio il cantante sui social spiegando che, qualora si presentasse alla frontiera dell’Ucraina, potrebbe essere arrestato. Proprio così, il cantante di ‘Gelato al cioccolato’ è persona indesiderata, al pari dei più temibili criminali. Ma ecco i dettagli sulla vicenda!

Pupo finisce nella black list dell’Ucraina e rischia l’arresto

In questi ultimi giorni la crisi in Ucraina sembra destare sempre più preoccupazione nello scacchiere internazionale. Riguardo proprio all’Ucraina, è giunta notizia che l’ex Paese dell’Unione sovietica ha inserito il cantante Pupo in una black list. Proprio così, Enzo Ghinazzi pare essere una persona indesiderata per l’Ucraina e rischierebbe pure l’arresto qualora cercasse di entrare nel Paese. E’ stato lo stesso cantante ad annunciarlo sui social. Nel dettaglio, l’ex opinionista del Gf Vip, ha spiegato di essere stato recentemente informato dal Ministero degli Esteri italiano, di essere stato inserito nella lista nera del governo ucraino. Insomma, la stessa lista dove compaiono anche i pericolosi criminali. In pratica, ha spiegato Pupo, qualora si dovesse presentare alla frontiera, verrebbe arrestato. Ma per quale motivo l’Ucraina ha adottato un simile provvedimento? Lo ha spiegato proprio il diretto interessato che, senza tanti giri di parole, ha confessato che la sua unica ‘colpa’ è quella di aver presenziato lo scorso anno ad un festival musicale a Jalta in Crimea. Va ricordato che anche Albano e Toto Cutugno sono finiti nella black list, quindi Pupo è in buona compagnia. Tutti loro sembrano essere diventati dei pericolosi criminali, visto che l’Ucraina li considera spie assoldate dai russi.

Pupo non si lascia intimorire: in aprile sarà di nuovo in Crimea

Una brutta batosta per Pupo e i suoi colleghi che, come sappiamo, portano in giro in tutto il mondo la loro musica. Non è un mistero che tutti e tre gli artisti, vantino una folta schiera di fan proprio nei paesi dell’ex Unione Sovietica e pertanto il divieto di entrare in Ucraina pare essere un bel problema. Enzo Ghinazzi comunque, non si è perso d’animo. Lui stesso sui social ha dichiarato che di certo non si fermerà. Continuerà a portare la sua musica in giro per il mondo, ovunque ci sia la libertà di cantare. Le canzoni dell’artista toscano di certo non possono fare del male a nessuno. Ma ciò che ha stupito, è il fatto che il cantante non sembra aver timore delle eventuali ripercussioni, visto che ha annunciato che, il prossimo aprile, tornerà proprio in Crimea. Speriamo non finisca in manette! D’altronde è anche giusto non farsi intimorire per qualcosa che non sembra avere senso. Che male possono fare le sue canzoni? Di certo le hit come ‘Gelato al cioccolato’ o ‘Su di noi’, tanto per citare i suoi maggiori successi, non possono far altro che regalare un attimo di allegria e spensieratezza al pubblico. Di certo non sono un pericolo per il governo di nessun Paese al mondo. Cosa ne pensate di tutta questa vicenda? Il nostro Pupo starà alla larga dall’Ucraina o finirà in manette? A Voi i Commenti!

Video Correlati