Caso Denise Pipitone: Delusione per Piera Maggio!

Triste risvolto nel caso di Denise Pipitone. I risultati del test del DNA hanno finalmente rivelato la verità su Olesya Rostova. Ma non è finita qui, perché uno dei casi più famosi di cronaca italiana è stato strumentalizzato dalla televisione russa per mera spettacolarizzazione. Scopriamo insieme i dettagli!

Triste epilogo per Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, la bambina sparita nel 2004 da Mazara del Vallo, in Sicilia. Qualche giorno fa infatti, si era accesa una piccola speranza quando una telespettatrice aveva contattato la redazione di Chi l’ha visto? segnalando una ragazza molto somigliante a Piera Maggio, in un programma televisivo russo. Lei è Olesya Rostova, andata in televisione per ritrovare la sua famiglia. La giovane ha infatti raccontato di essere stata rapita quando era molto piccola e poi ritrovata in un campo nel 2005. Oltre alla somiglianza con Denise e i suoi genitori, Olesya ha la stessa età che avrebbe la piccola oggi.

Purtroppo però il mistero è risolto: la giovane non è Denise. La trasmissione russa Lasciali Parlare comunicherà presto gli ultimi risvolti in diretta, ma il tutto è già trapelato. Nonostante la situazione delicata e l’illusione e la sofferenza di una madre che non ha mai smesso di cercare la sua bambina nonostante siano passati ben diciassette anni, la televisione russa ha ampiamente speculato sul caso della piccola Denise. Infatti, per audience, non si è fatto altro che allungare inutilmente il brodo, alimentando la speranza di ritrovare nella giovane la bambina scomparsa da Mazara Del Vallo. Un vero e proprio show creato ad hoc su un importantissimo caso di cronaca italiana. 

Il giornalista Matteo Grimaldi ha fatto sapere che hanno comunicato l’esito negativo del DNA a Piera Maggio, dicendo di essere dispiaciuto che l’avvocato della madre di Denise debba recitare il copione durante il programma russo in cui si “svelerà” la novità. Il giornalista ha poi invitato a mettere fine a questa propaganda di sentimenti e dolore che la televisione russa ha intenzione di portare avanti, prendendo in giro milioni di persone che fino alla fine hanno sperato di vedere finalmente Piera sorridere con la sua Denise.

Caso Denise Pipitone: la tv russa ha ingannato tutta Italia!

Inoltre, pare che in una puntata della trasmissione, la ragazza si sia fatta ipnotizzare da uno specialista per riuscire a ricordare la sua infanzia, ma non ha fatto accenno all’Italia. Olesya ha invece parlato di uno zaino, di altri bambini, di un viaggio in treno e del periodo passato insieme ad una nomade a chiedere l’elemosina davanti a una chiesa, prima che la ritrovassero e la portassero in orfanotrofio.

Non è finita qui, perché Grimaldi ha anche denunciato una pessima messa in scena ad opera del programma. Olesya avrebbe infatti già incontrato la sorella biologica, Anastasia, e la tv russa avrebbe chiesto loro di mantenere il più possibile il silenzio sull’accaduto. Una vera e propria presa in giro, un’approfittarsi dell’immenso dolore di Piera Maggio e di tutta Italia.

Non ci resta che unirci al dolore di una madre forte che non si è mai arresa, non smettendo mai di cercare la sua bambina in ogni angolo del mondo. 

Video Correlati