Loredana Berté a Domenica Live. L’intervista shock commuove il pubblico.

Ospite di Barbara D’Urso a Domenica Live, Loredana Bertè, in una toccante intervista, ha ripercorso le tappe più salienti della sua vita, parlando della carriera ma anche della sua vita privata.

La Bertè non ha tralasciato uno dei momenti più dolorosi della sua vita, quando, da ragazzina, ha subito violenze che hanno condizionato poi i suoi futuri rapporti con tutti gli uomini della sua vita.
Il racconto di Loredana ha commosso il pubblico, sottolineando quanto, spesso; possa essere travagliata la vita di un’artista.
Ecco le parole della cantante:

Sono stata violentata a 16, 17 anni. È successo a Torino. C’era un ragazzo molto carino che mi mandava dei fasci di rose immensi nel camerino. Le mie amiche dicevano: “Vai, questo è quello buono“. “Penso che mi porti a casa sua, mi porta fuori Torino, mi porta dentro questo bilocale squallido. Come chiude la porta a chiave, mi ha preso un colpo. Ho detto; “Voglio andar via”, mi ha preso a calci, pugni. Mi ha violentata, ma sono riuscita ad uscire e buttarmi in mezzo alla strada, piena di sangue. Mi ha portato al pronto soccorso un tassista che mi ha raccolta. Questa è stata la mia prima volta, Per tre o quattro anni; non ho voluto vedere un uomo in vita mia, nessuno”.

Loredana conclude l’intervista ricordando la sorella: Mia Martini, confessando di non avere ancora superato la sua morte:

Il tempo non cancella niente. Mi sento anche un po’ in colpa: perché penso che: se avessi fatto qualche viaggio in meno: e le fossi stata più accanto, le avessi parlato di più, invece di prendere il primo volo e andare lontano, forse sarebbe ancora viva.

Video Correlati

LEAVE YOUR COMMENT